La Giunta e la non maggioranza “double-face” con il vizietto di Facebook

La Giunta e la non maggioranza “double-face” con il vizietto di Facebook.
Accade infatti che dopo le prodezze su Facebook dell’Assessora all’Istruzione, l’Assessore Roscio inauguri le colonnine della rete elettrica (a Etroubles ad esempio) e poi metta MI PIACE su Facebook a Ghigo Rossi quando sostiene che l’Assesssore Donzel è uno sciocco che si fa abbagliare dall’auto elettrica, spendendo soldi pubblici per installare colonnine. Vero? Vero e documentato!
Va bene che la politica sia scaduta e il livello sia basso ma qui siamo alla “miseria nera”: se ho fatto errori è giusto che io sia criticato ma se inauguri una colonnina elettrica (fra l’altro rivendicate anche dall’attuale Presidente Marquis) non puoi dire che sei d’accordo con chi sostiene che si spreca il denaro pubblico pur di fare un attacco personale. Perché? 

Ancora una volta il vizietto di Facebook svela il volto double-face della Giunta e della non maggioranza, ossessionate dalla Comunicazione, tanto da trasformare interi assessorati, in centri della comunicazione, senza neppure credere in ciò che comunicano e fanno (o meglio hanno fatto altri).

Mi guardo bene dal giudicare chi governa, in modo superficiale. Ho imparato quanto sia difficile governare. Ma nel merito delle scelte ho sempre detto la mia, spiegando le ragioni (in modo articolato, non sempre leggibile, i ragionamenti chiedono qualche riga in più), perché le critiche come le scelte vanno argomentate.
Ecco quando ricevo “una sberla mediatica” mi piacerebbe capire il perché? E non solo subire l’insulto di aver “malversato” denaro pubblico. 
Il paradosso è che Roscio, insieme al collega Cognetta, chiedeva ancora più azioni per la mobilità elettrica dai banchi dell’opposizione: ora hanno cambiato idea?

È legittimo cambiare idea, lo spieghino!

Cosa c’entra Cognetta? Insieme all’Assessore Roscio c’è cascato anche il consigliere comunale Luca Lotto a mettere il MI PIACE al post contro Donzel (insomma anche il M5S sponsor occulto della non maggioranza è a double-face, in Regione per l’auto elettrica anche ibrida e in Comune di Aosta contro). Gli elettori si sa stanno un po’ qua è un po’ là, e si “gioca” al piglia tutto!
Io resto convinto che la mobilità elettrica sia il futuro, ma gli amministratori per primi devono crederci e non far finta.
Così a Carlo Curtaz che in un post chiedeva, per risolvere la frana del sistema Valle D’Aosta, facce nuove e competenza, rispondo che ha proprio ragione: a partire dai suoi ex compagni di Alpe, servono facce nuove (e non di bronzo) e competenza (non solo comunicativa e double-face).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...