Casinò: la caduta degli dei! Nessun “nuovo metodo” e spese alle stelle per lo stuolo di manager e consulenti.

Mi stupisco; dopo più di 30 anni di politica, riesco ancora a stupirmi e penso allo stupore del cittadino medio che segue la politica rispetto alla vicenda Casinò.

1. Il metodo

La nuova non-maggioranza della Giunta Marquis-Chatrian-Viérin coordinata da La Torre aveva contestato a più riprese le decisioni autoritarie dei Governi precedenti. Poi dopo essersi insediata con un colpo di mano, per nulla frutto di un percorso trasparente e condiviso, ora minaccia i consiglieri regionali o si accetta il Piano sul Casinò o si va a elezioni. Minaccia non troppo velata ai “falsi moralizzatori” del Gruppo Misto (Gerandin, Padovani) che con il loro voto mantengono in vita, con la complicità di Cognetta, questa Giunta senza idee.

Ecco chi doveva cambiare la politica valdostana, picchia i pugni sul tavolo; e per fortuna che ha pochi voti in Consiglio, se no chissà a quali orribili spettacoli ci farebbe assistere. Però che democratici? O obbedisci o a casa? La nouvelle méthode?

E chi dava lezioni di etica al PD ora deve obbedire a bacchetta per salvarsi la poltroncina e non ridare la parola agli elettori. 
2. Il merito: maxi finanziamento al Casinò.

Dopo aver detto per mesi che dare un solo euro al Casinò avrebbe portato tutti in Procura e al supplizio della Corte dei conti; ora usando un parere proveritate della Giunta Rollandin si intende rifinanziare il Casinò.

Ma come? Non erano andati a dire agli agricoltori che non c’erano soldi per la zootecnia e si ingrassava il Casinò.

Non avevano predicato, prima le stabilizzazioni dei precari basta soldi al Casinò.

Prima l’Ospedale e i servizi sociali; stop al gioco d’azzardo.

Che era? Uno scherzo? Hanno preso in giro i valdostani? 

Eh sì!

Questo nuovo Piano, che si rivela una scopiazzatura di robe trite e ritrite, non è credibile da parte di chi ha per mesi in Commissione consiliare sostenuto che non bisognava dare nuovi finanziamenti al Casinò.

Ora abbiamo già una certezza : il nuovo stuolo di manager e consulenti costa più del mitico compenso dell’ex amministratore unico Frigerio. Una gestione già disastrosa prima di cominciare.
Questa non-maggioranza Stella Alpina UVP Alpe RIfondazione Comunista, Mouv, PNV e M5S ha tante sigle ma un solo obiettivo evitare le elezioni che faranno sparire quelle sigle e i personaggi che le hanno inventate.
3. Perché mi permetto di scrivere queste righe.

Sul metodo ho sostenuto e applicato durante il mio mandato amministrativo una modalità di confronto preventivo sulle scelte strategiche, presentando prima in Commissione leggi e delibere, senza trucchi.

Sul merito non ho mai raccontato frottole ai valdostani: ho sempre sostenuto che bisognava salvare l’azienda Casinò, chiedendo un grosso sacrificio ai dipendenti. Troppo comodo per farsi fare un articolo di giornale raccontare che si volevano bloccare i finanziamenti e poi seduti sulla poltrona di Governo si cambia e si fa esattamente quanto previsto 7 mesi fa dalla Giunta Rollandin (sperando nella memoria breve dei cittadini). Un teatrino che è stato costoso e inutile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...