Piano lavori Telcha per il teleriscaldamento di Aosta

Interpellanza sul piano lavori 2016 della società Telcha
Nella seduta consiliare del 22 marzo 2016, l’Assessore alle attività produttive, Raimondo Donzel ha risposto a un’interpellanza sui lavori di Telcha srl, la società che si occupa della realizzazione della rete di teleriscaldamento ad Aosta.

In particolare si chiedeva quale fosse il cronoprogramma dei lavori 2016 e quali le zone interessate dai lavori, e se fosse intenzione del Governo regionale farsi tramite con Telcha affinché presenti un piano più condiviso e meno impattante. Considerato che la società Telcha ha ottenuto un importante finanziamento di oltre 5 milioni di euro a valere sul POR competitività del Fondo europeo per lo sviluppo regionale 2007-2013, si è voluto anche conoscere lo stato di attuazione del contributo FESR.

L’Assessore alle attività produttive ha risposto che la società Telcha ha presentato un cronoprogramma molto dettagliato ma provvisorio, in quanto non ancora approvato dalla Giunta comunale, la quale potrà, sulla base delle criticità espresse dai cittadini e dai commercianti, proporre eventuali adeguamenti allo stesso.

 Il programma di quest’anno, ha aggiunto l’Assessore, è meno impegnativo rispetto a quello degli scorsi anni e gli interventi, asfaltature comprese, potranno essere conclusi entro l’autunno 2016.

 Tutte le attività saranno monitorate da un gruppo di lavoro che coinvolge una serie di soggetti, tra i quali quest’anno anche un rappresentante degli operatori commerciali, Ascom-Confcommercio, al fine di attutire al massimo le ripercussioni di questi lavori. 

Per l’Assessore, pur convenendo che bisognerà fare uno sforzo per ottimizzare la comunicazione, il rapporto tra la Regione e il Comune di Aosta deve essere continuo, ma non sostitutivo nel rispetto delle competenze comunali. 

Riguardo al finanziamento FESR, di 5 milioni di euro, l’Assessore ha evidenziato che non riguarda la posa della rete bensì la realizzazione della centrale termica cogenerativa a servizio della città di Aosta: il progetto si è chiuso entro il 31 dicembre 2015, la Regione ha saldato il dovuto e nessun’altra erogazione dovrà essere effettuata alla società beneficiaria. 

L’Assessore ha quindi invitato i Consiglieri a visitare la centrale, che verrà aperta alle visite dei cittadini: si tratta di un impianto innovativo che contribuirà a ridurre le emissioni di CO2 e a garantire quindi una migliore qualità dell’aria ad Aosta. 

L’impianto infatti recupera il calore delle acque di raffreddamento della Cogne Acciai Speciali, permettendo il risparmio energetico e riducendo i prelievi d’acqua dalla falda; inoltre, consente anche la riduzione di emissioni grazie ad un moderno impianto di abbattimento dei fumi (con ulteriore recupero di calore che garantirà aria più pulita ad Aosta).

 I disagi di questi anni saranno compensati da una città con una migliore qualità dell’aria e della vita per i cittadini e per il turismo. 

Infine, ha affermato l’Assessore, anche la contemporanea sostituzione delle tubazioni dell’acquedotto alla posa della rete di teleriscaldamento, ha permesso di non chiudere, scavare e riasfaltare le strade due volte a distanza di pochi mesi con un risparmio di oltre il 50% dei costi, con ricadute positive sulle bollette dei cittadini. 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...