Feletti: il marchio “prigioniero” presso il Tribunale di Cremona

Nota ufficiale 
Feletti: il marchio “prigioniero” presso il Tribunale di Cremona
Si è riunito d’urgenza questa mattina ad Aosta presso l’Assessorato alle attività produttive, energia e politiche del lavoro il Tavolo di concertazione sulla Feletti e per lo sviluppo industriale della Bassa Valle tra Assessorato, Sindaci di Pont-Saint-Martin e Donnas e capigruppo di minoranza e i rappresentanti delle OO.SS..

L’Assessore ha potuto riferire gli esiti di un incontro con i titolari della società HDI di Castelleone (CR), proprietari della Feletti e della Sorini, l’amministratore delegato Gaspare Lameri, il direttore amministrazione Finanza Giuseppe Pellini e l’avv. Federico Strada.

La situazione di crisi della Feletti si aggrava alla luce delle verità che sono emerse nelle ultime ore, dopo la scelta della società HDI di presentare la domanda per la procedura di concordato preventivo in continuità il 23 ottobre 2014. Presso il Tribunale di Cremona infatti sono depositati atti che potrebbero far emergere poca trasparenza nei bilanci, se non “gravi anomalie”: questo spiegherebbe l’esplosione dell’esposizione debitoria del Società ad oltre 30 milioni di euro a fronte di un crollo del fatturato che dal 2013 al 2014 è precipitato da 52 milioni a circa 25 milioni.

Il marchio Feletti risulta dunque parte integrante del Piano industriale del concordato preventivo volto a salvare almeno lo stabilimento Sorini di Castelleone dove sono a rischio centinaia di posti di lavoro, di cui quasi la metà già in cassa integrazione. 

Nel breve periodo risulterebbe quindi non cedibile il marchio Feletti.

La società HDI non ha quindi nessuna possibilità di riprendere l’attività nello stabilimento di Pont-Saint-Martin.

A fronte di questa situazione, cade in questo momento la possibilità di rilanciare in Valle d’Aosta lo storico marchio Feletti che aveva suscitato l’interessamento di alcuni investitori privati.

Resta l’area strategica di oltre 25 mila metri quadri occupata dallo stabilimento (6 mila metri quadri) situata nei pressi del casello autostradale di Pont-Saint-Martin su cui potrebbero aprirsi nuove prospettive ma solo con una trattativa diretta con la società HDI, proprietaria dell’area e dello stabilimento.

Va quindi ripreso urgentemente anche il dialogo con i 6 lavoratori della Feletti oggi in cassa integrazione per valutare le singole possibilità di ricollocamento quando verranno meno gli ammortizzatori sociali: anche su questo punto non verrà meno l’impegno di tutti gli attori del Tavolo di concertazione.

Infine l’Assessore ha reso noto che alla delibera sull’insediamento a Pont-Saint-Martin nell’area dell’Ex Ilsa Viola di un’attività della Società Aisico, seguiranno nell’autunno altri atti volti ad insediare nello stabilimento PSM07 altre attività di ricerca e produzione che renderanno produttivo l’investimento di VdA Structure di ristrutturazione dell’ex Zincocelere, attraverso la realizzazione di moderni spazi produttivi. 

#aaproduttiveelavoro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...