l’industria possibile

26/07/2015Ci voleva Harvard per capire la forza dei distretti italiani

Negli Stati Uniti stanno cercando di capire perché alcuni distretti del Nord-Est sono leader mondiali e altri in rovina. La chiave? Le aziende leader

(Articolo di Fabrizio Patti su linkiesta.it)

«La globalizzazione non ha ucciso i distretti industriali». L’affermazione è forte ma autorevole: arriva dalla rivista dell’Harvard Business Review, che per dimostrarla ha deciso di studiare un territorio per loro lontano, ma che noi conosciamo bene, il Nord-Est italiano. Non per farne un quadro idilliaco, ma per dimostrare quanto sia sottile il crinale che separa il successo dalla desertificazione industriale. Una discriminazione che non passa semplicemente dal puntare sul lusso invece che sui prodotti di massa; né dalla semplice innovazione. Quanto, piuttosto, dal ruolo delle aziende guida, che se riescono a usare le conoscenze “tacite” delle piccole imprese fornitrici e a metterle in contatto diretto con i mercati e i designer internazionali, possono salvare un intero territorio. Per riuscirci hanno però bisogno di una classe dirigente ben più attrezzata di quella attuale. 

Vincitori e vinti

L’interesse degli studiosi americani verso i distretti italiani non è certo una novità. Uno dei libri più noti fu scritto negli anni Ottanta da due studiosi del Mit di Boston

L’interesse degli studiosi americani verso i distretti italiani non è certo una novità. Era il 1984 quando due studiosi americani, Michael Piore e Charles Sabel del Mit di Boston, passarono diversi mesi in Italia e scrissero “The Second Industrial Divide”, rimasta una delle pietre miliari sulla materia. Questa volta ad accendere i riflettori sono Gary Pisano e Giulio Buciuni. Il primo, professore ad Harvard, ha scritto il libro “Producing Prosperity: Why America Needs a Manufacturing Renaissance”, che è diventato un punto di riferimento nel dibattito americano sulla de-industrializzazione. Il secondo è un ricercatore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, in procinto di trasferirsi all’Università di Toronto. 

«Il Nord-Est è un laboratorio ideale per la ricerca: un territorio limitato in cui si possono osservare le aziende, le istituzioni e le infrastrutture», spiega a Linkiesta Giulio Buciuni. Nel Nord-Est, come noto, la crisi ha picchiato più forte che altrove, tanto che il mito dei distretti industriali si è andato appannando. «Molti colleghi pensano che siano morti, ma sbagliano. Non è un caso che Harvard ci abbia chiesto di studiarli».

Quello che soprattutto andava spiegato è perché diversi attivi in comparti molto simili e a poca distanza gli uni dagli altri abbiano performance così diverse.

Prendiamo il comparto delle calzature. Da una parte c’è il distretto di Montebelluna (Treviso), dall’altra quello della Riviera del Brenta. A Montebelluna c’è un cluster di aziende specializzate nelle scarpe sportive e negli scarponi da sci. Il distretto ha origini nell’Ottocento, quando artigiani locali cominciarono a fabbricare scarponi da montagna. In seguito si sviluppò con la produzione di scarponi da sci e scarpe sportive e attirò gli investimenti di grandi marchi mondiali come Nike, che si sommarono a marchi locali come Lotto e Nordica. Le principali società mondiali, racconta lo studio, cominciarono a delocalizzare la produzione in Paesiha come la Romania e la Cina, separando la ricerca e sviluppo dalla produzione. I modelli venivano creati in zona, ma le fabbriche si spostavano, con il risultato che l’occupazione tra il 2006 e il 2012 è scesa del 15 per cento. 
Una traiettoria molto diversa è quella seguita dal distretto della Riviera del Brenta (in provincia di Venezia), specializzato nella produzione di scarpe da donna di lusso (circa 500 euro a paio). Anche in questo caso l’origine del distretto risale all’Ottocento, ma nella zona la produzione è rimasta e grandi marchi di moda hanno effettuato ingenti investimenti, da Armani a Prada, da Lvmh a Dior. 

Nel distretto di Manzano negli anni Novanta si produce un terzo delle sedie vendute nel mondo. Ora non rimane quasi più produzione

Se si passa al settore dei mobili, la differenza tra la coppia di distretti presa in considerazione è ancora più evidente. Il distretto di Manzano (Udine) era il centro del mondo delle sedie in legno: negli anni Novanta vi ci si produceva un terzo di tutte le sedie che venivano vendute nel mondo. A pochi anni di distanza, non rimane praticamente più produzione. Solo una grande azienda, la Calligaris, ha avuto successo nell’integrarsi a valle, creando una rete globale di showroom e accordi di distribuzione. Per il resto basta un dato a far capire lo stato di salute del distretto: i lavoratori dal 2006 al 2012 sono scesi del 44 per cento. 

A 60 chilometri di distanza, il distretto di Livenza, al confine tra Treviso e Pordenone, sta reagendo alla crisi ed è diventato il principale fornitore europeo di Ikea. L’azienda principale, Friul Intagli, ha visto crescere il fatturato dai 20 milioni di euro del 1997 agli oltre 400 milioni di oggi. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...