Dimissioni Sovraintendente: declino dell’amministrazione scolastica non fa bene a nessuno

Le dimissioni della Sovraintendente agli studi della Valle d’Aosta non sono riducibili a un fatto personale ma pongono un grave problema politico.

L’utilizzo improprio dello spoil system (scelta del funzionario di fiducia da parte del politico) non ha dato i risultati sperati: più competenza, più dinamismo e più sintonia umana e politica con la visione strategica dell’Assessore, fermo restando il rigoroso rispetto delle norme (di cui il 5* piano, sede dell’Assessorato all’Istruzione è sempre stato un simbolo), erano le aspettative; ma siamo tornati a rimpiangere i vecchi burocrati (e questo non mi piace neppure…).

Non ho problemi a riconoscere la stima personale che ho sempre nutrito per la Sovrintendente quando eravamo colleghi nell’insegnamento di Lettere nella scuola media. (Ma ognuno deve fare il suo dovere al di là dei rapporti personali: quindi le mie interpellanze nel settore della scuola non sono venute meno…).

La gestione dell’Assessorato all’Istruzione nella breve (per ora) fase Farcoz-Rini si è contraddistinto per l’assenza di una politica scolastica chiara in un momento di delicati processi di riforma nazionale in un contesto di grossa tensione sull’annoso problema del precariato, di inique norme pensionistiche e di grande amarezza per le numerose riforme calate dall’alto e di fatto fallite una dopo l’altra.

Gli insegnanti hanno supplito al fallimento della politica con la loro passione, con il loro impegno, facendo il loro dovere: ma senza un progetto complessivo di riorganizzazione non si fanno miracoli: in molti casi si deve vivere alla giornata.

In questo contesto le legittime richieste di alcune famiglie di avere maggiore attenzione per l’insegnamento del francese e dell’inglese (il cosiddetto progetto École vda) doveva essere gestito politicamente e amministrativamente nel quadro complessivo delle riforme scolastiche in atto.

A quante legittime richieste dei cittadini l’Amministrazione dice “NO, così non si può fare”, e cerca invece la strada migliore per dare comunque sempre la risposta non al singolo, non a una famiglia ma a tutta la comunità valdostana?

La scuola pubblica è di tutti, anche di chi non ha figli, ma ha a cuore lo sviluppo futuro della società in cui vive.

Non so dire se sono prevalsi errori amministrativi (peraltro gravissimi come nel caso del riconoscimento dei titoli di francese) e qui però su École vda la Sovrintendente non era sola ma c’erano anche gli Ispettori, o la cocciutaggine politica di ottenere visibilità mediatica immediata senza passare attraverso il faticoso e lungo lavoro di confronto con la categoria per costruire una proposta condivisa.

Per quando riguarda il PD e il gruppo Consiliare PDsinistravda già nell’estate 2014 avevamo fatto presente tutti i problemi tecnici, giuridici, sindacali che rendevano inattuabile il progetto.

Era un fallimento annunciato: école en langue vda!

È questa l’occasione per ribadire anche la nostra linea politica: noi vogliamo un francese migliore e l’inglese per TUTTI i bimbi valdostani, non per una piccola élite!
I bimbi valdostani dei piccoli Comuni devono avere le stesse opportunità di chi vive in città (almeno nella scuola pubblica!) Questo è il progetto che noi vorremmo costruire con gli insegnanti (e ho constatato la grande disponibilità degli insegnanti a dare un grande contributo di idee e di collaborazione).

Un grave danno è stato arrecato all’immagine della scuola valdostana e alla sua amministrazione.

Basteranno le dimissioni di una Sovraintendente?

O servirà rivedere il modello Politico/Amministrativo che ha fallito, prima di lanciarsi in nuove avventure improvvisate nel mondo della scuola pubblica?

Costruiamo insieme la risposta e non facciamo finta di nulla!

Viva la scuola valdostana!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...