PROJET ECOLE EN LANGUES VDA: l’amministrazione sbaglia metodo di lavoro e di proposta

PROJET ECOLE EN LANGUES VDA
Il tempo dell’improvvisazione al governo è finito!
Serve qualità dei contenuti e metodo della condivisione e della compartecipazione al progetto di tutti gli attori!
La scuola non può essere usata per qualche “marchetta” elettorale ma è un #benecomune fondamentale della nostra comunità valdostana che deve stare al passo coi tempi: TUTTA! Dalla città al più piccolo Comune di montagna!
La scuola valdostana è uno dei cardini dell’Autonomia regionale.
Inoltre non si possono disperdere le poche risorse a disposizione, soprattutto dopo i tagli che hanno svuotato i fondi dei Consigli d’Istituto…

Nel prossimo Consiglio regionale non solo chiederemo conto delle scelte in atto, ma siccome avevamo prevenuto nella Commissione competente in modo costruttivo i rischi di un’operazione avventata, chiediamo anche che sia fermata e rivisitata con il contributo e l’assenso degli insegnanti!

Non sopra testa degli inseganti ma con la testa degli insegnanti!
Partito Democratico-Sinistra VdA
Prot. n. 17/15 Aosta, 30 gennaio 2015

Al Presidente
del Consiglio regionale
SEDE

I sottoscritti Consiglieri regionali del Gruppo “Partito Democratico” La pregano di iscrivere all’ordine del giorno del prossimo Consiglio la seguente

INTERPELLANZA

Preso atto della delibera n. 1792 del 12 dicembre 2014: “APPROBATION DU “PROJET ECOLE EN LANGUES VDA “A EXPERIMENTER DANS DES CLASSES PILOTES DE L’ECOLE MATERNELLE ET PRIMAIRE AU COURS DE L’ANNEE SCOLAIRE 2015-2016 ET CREATION D’UN CENTRE DE RESSOURCES POUR LA DIDACTIQUE DES LANGUES”;

Tenuto conto che si decide tra l’altro: “d’approuver l’attribution d’un financement au Centre de ressources dont au point 2 pour assurer la mise en oeuvre du projet dont au point 1;”, quindi un importante investimento;

Preso atto altresì della lettera con cui alcuni insegnanti valdostani hanno espresso in modo ragionato e collaborativo le ragioni del NO al “Projet pilote pour une école plurilangue: Ecole en langue VdA;” e che questo No è stato molto diffuso e con percentuali altissime nelle Istituzioni scolastiche valdostane;

Constatato che il tentativo di prorogare i termini per acquisire i pareri nelle Istituzioni scolastiche, con il rischio di forzature sui collegi docenti per ottenere un nuovo e diverso parere, non muta sostanzialmente i termini della questione;

Ribadito che anche una sperimentazione di “nicchia” che coinvolge direttamente o indirettamente la scuola valdostana non può non avere un ampio assenso di massima;

i sottoscritti Consiglieri regionali

INTERPELLANO

l’Assessore competente per sapere se intenda:

1. ritirare la delibera e in particolare l’impegno di spesa prima di avventurarsi una sperimentazione non condivisa dalla scuola valdostana;

2. qualificare meglio il progetto dell’insegnamento delle lingue prima di imporre dall’alto soluzioni che presentano molte lacune anche tecnico-burocratiche per quanto attiene anche a una piccola sperimentazione.

Raimondo Davide DONZEL
Jean-Pierre GUICHARDAZ
Carmela FONTANA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...