tempi difficili… dunque? non smettere di lottare

…nella vita c’è sempre da imparare…

e così mai come in questo periodo sono tornato a “scuola di vita”,

soprattutto di vita politica…

mentre negli Stati Uniti c’è una grande mobilitazione contro il razzismo, per dire semplicemente che una persona conta per la sua anima, per quello che fa e non per la sua pelle o la sua lingua o la sua religione, (cose che non sono per nulla vecchie, ma sono tornate di un’attualità sconcertante) mi sono trovato ad essere l’unica voce “ufficiale” in Valle d’Aosta a prendere le distanze dalla “nouvelle vague” di Salvini (ben conscio che non paga elettoralmente: ma un tempo la sinistra faceva prevalere i #valori sul consenso a qualunque costo…).

la stessa cosa si può dire per la mia adesione alle ragioni dello “sciopero generale”, con tutte le problematiche interne al mio partito. In Consiglio regionale, tutti a sbraitare di Autonomia e di Stato cattivo ma nessuno (salvo i miei compagni di Gruppo) a riconoscere che c’è anche un problema nazionale e regionale di diritti del lavoro e di equità!

e ancora sul piano economico la finanziaria regionale ha un’impostazione di fondo peggiore di quella nazionale (cresce la spesa pubblica e diminuiscono gli investimenti ma si tagliano prima di tutto i servizi e la sanità!), e pure si parla di mobilitazioni contro lo Sblocca Italia (che ha tanti limiti ma è pur sempre più del nulla locale; e per le questioni ambientaliste rinvio anche alle considerazioni di Ermete
Realacci, non proprio l’ultimo arrivato in questo campo) e, salvo i sindacati, e salvo su questioni specifiche che concernono la propria vita lavorativa o famigliare, nessuno si è auto organizzato contro lo smantellamento del welfare regionale, di un asse fondamentale del #benecomune…

e infine la scuola: l’idea che la
Scuola debba dare pari opportunità a tutti (ricchi e poveri, diversamente abili, dotati e meno dotati, femmine e maschi, di un villaggio di montagna e di città, di qualunque lingua etnia e religione) ; non è solo un problema nazionale ma un problema anche locale… di buona scuola o Bonne Ècole che dir si voglia…

Dunque?

… puoi far politica da una vita ma devi ripartire ogni volta da capo, dal basso, dalla gente che incontri per strada e sui luoghi di lavoro…

…devi rimettere in discussione quello che fai, capire dove hai sbagliato e continui a sbagliare…

…e non smettere di lottare… non smettere mai…

… e per cercare di cambiare il mondo devi provare a cambiare il tuo comune… la tua città… la tua regione… con la stessa passione con cui cerchi di cambiare l’Italia e il mondo…

… e non mollare mai i valori che sono la stella polare dell’agire: #equità e #lavoro sennò la #libertà è solo un’etichetta vuota…

IMG_7915.JPG

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...