Commemorazione ANPI della battaglia di Vens (Saint-Nicolas)

Nel 70esimo della battaglia di Vens, avvenuta il 30 luglio 1944, si è tenuta una commemorazione a Saint-Nicolas e a Vens.

Ricordare i 13 caduti, tra partigiani e civili, è importante perché il bene prezioso della libertà e della democrazia non sia disperso, perché solo un rinnovato impegno quotidiano lo può preservare.

La banda di Vertosan, formatasi nel 1943, da un nucleo di alpini che decidono di opporsi al regime fascista e all’occupazione nazista, era comandata da Bert, il capitano Andrea Pautasso, vi aderiranno autonomisti, carabinieri, alcuni valdesi, fino ad avere più di 300 componenti.

Il 30 luglio 1944 i nazifascisti catturano sopra Avise due partigiani e li uccidono, preparandosi a un’offensiva contro la banda di Vertosan che aveva compiuto numerose azioni nel fondovalle. I nazifascisti che vantano una notevole superiorità di mezzi (in particolare artiglieria pesante) e uomini) bruciano la frazione di Cerlogne.
Cade tra gli altri anche il partigiano di origine ceca, Daubry Aldo, nel soccorrere un compagno ferito.

Sono trucidati dei civili.

I partigiani debbono ritirarsi e molti civili devono fuggire per salvarsi.

Alcuni si rifugiano nell’alta valle di Vertosan, qualcuno raggiunge temporaneamente la Svizzera, altri passano sull’altro versante della Dora unendosi ad altre bande partigiane e continuando la Resistenza fino alla Liberazione!

Oggi nella commemorazione un oratore in un bellissimo intervento ha tra l’altro detto dell’importanza di ricordare questo episodio anche se non fu dal punto di vista militare “una Stalingrado”…

Ci ho pensato su… Certo come per altri scontri nella Valle del Lys, di Cogne, della Valsarenche i partigiani sono messi in fuga, ma quegli episodi sono tante piccole Stalingrado politiche, che dicono come i valdostani e gli italiani sono pronti a morire per dire basta alla dittatura e al fascismo!
Saranno loro a liberare l’Italia con gli Alleati, sconfiggendo il regime e impedendogli di salvarsi trattando la resa…

Questa è la Resistenza e la Liberazione: teniamolo ben presente quando parliamo di riforme Costituzionali.

20140726-205913-75553708.jpg

20140726-205914-75554655.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...